Bacco all’Università

Diffondere tra i giovani la cultura vinicola in quanto patrimonio fiorentino ed italiano, condizione necessaria per favorire un consumo sano e consapevole. Sono gli obiettivi dichiarati di “Bacco all'Università”, evento promosso dalla Camera di Commercio di Firenze e realizzato dallo Studio Umami con la collaborazione dell'Università degli Studi di Firenze, che permetterà agli studenti di tre Facoltà dell'Ateneo fiorentino di conoscere la storia e i vini di tre aree locali rinomate come quelle del Chianti Classico, Chianti Colli Fiorentini e Chianti Rufina.

 
In ciascuna sede universitaria sarà organizzato un appuntamento gratuito aperto agli studenti che attraverso le parole di esperti, giornalisti, professori, avrà il compito di incuriosire la conoscenza del vino. Durante gli incontri sarà raccontata la storia del nettare di Bacco, spiegate le tecniche di degustazione e presentata una DOCG dell'area fiorentina.
 
Mercoledì 30 novembre alle ore 15.30 la Facoltà di Lettere inaugurerà il ciclo di incontri. Sarà il noto giornalista enogastronomico Leonardo Romanelli a stimolare nei giovani studenti la voglia di saperne di più con una lezione di avvicinamento al vino. Sarà poi compito degli stessi produttori che hanno aderito all'iniziativa, La Querce, Castelvecchio e Lanciola, presentare la loro area vinicola, quella del Chianti Colli Fiorentini, attraverso la storia, la filosofia delle loro aziende e la degustazione guidata dei loro vini. Un attore ricorderà il legame tra letteratura e vino leggendo un passo di “Bacco in Toscana” di Francesco Redi.
 
Mercoledì 7 e lunedì 12 dicembre le date previste per gli appuntamenti nelle facoltà di Economia e Agraria, dove protagoniste saranno invece le DOCG Chianti Classico e Chianti Rufina.
 
 
Un evento promosso da:
 
 
 
 
 

No comments yet. You should be kind and add one!

Leave a Comment

Allowed tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>